Gimp = geek? Dimostrazione pratica

Giusto per sfatare il mito di photoshop, guardate questo concept di pubblicità simil-Mela creato con un pizzico di Gimp 2.4:

riflesso mac roscoff

Come ho fatto? Ora ve lo spiego.

1) La foto. Si tratta di Roscoff, nord della Bretagna. L’immagine è composta di due diversi scatti importati e trattati in Lightroom e successivamente composte in un panorama. Dopo l’elaborazione, l’ho aperta in Gimp 2.4 su una macchina con OS Ubuntu.

2) Ho creato un nuovo documento con sfondo nero, aggiunto un layer vuoto in cui ho incollato una copia dell’immagine ridotta a 800 px di lato maggiore (questo per evitare al mio povero vecchio pc inutili sforzi); chiamiamo questo layer ‘Porto’. Per dare un minimo di profondità allo sfondo, in alto a dx ho creato un soffuso effetto di gradiente circolare grigio-nero.

3) Successivamente ho duplicato l’immagine del porto una seconda volta, in un altrettanto nuovo layer; questo lo chiameremo ‘Riflesso’. Sempre nello stesso menu ‘Strumenti’, c’è lo strumento ‘Flip’ [Shift+F] con il quale ho ribaltato verticalmente l’immagine.

4) Tramite lo strumento ‘Prospettiva’ [Shift+P](Strumenti –> Trasformazione –> Prospettiva), ho ridotto di dimensioni il lato di destra per dare l’idea della profondita.

5) Anche sulla foto ribaltata utilizzo lo strumento ‘Prospettiva’, in questo caso in modo tale da ottenere il riflesso come sulla superficie di un tavolo.

6) A questo punto ho cliccato sul tool ‘Gradiente’, rintracciabile nel menu principale di Gimp a sx, selezionando una sfumatura dal nero al trasparente e l’ho applicata sul layer ‘Riflesso’ in modo tale da coprire i bordi più lontani dell’immagine.

7) Per rendere l’effetto più realistico, basterà selezionare il layer ‘Riflesso’ e diminuirne l’opacità.

8) Trovata poi un’immagine della mia D70, ho creato lo stesso effetto e l’ho incollata a fianco.

Visto come è facile? E l’effetto è sicuramente molto interessante! ora aspettiamo un restyling dell’interfaccia

7 risposte a “Gimp = geek? Dimostrazione pratica”

  1. > ora aspettiamo un restyling dell’interfaccia…

    Non vedo l’ora… GIMP è un ottimo prodotto ma ha un grosso limite, proprio dovuto all’interfaccia che si discosta -troppo- da quella dei prodotti “più famosi”, come Photoshop o Paint Shop Pro.
    Speriamo venga veramente modificata in modo che sia più intuitiva. E speriamo che lo strumento “pennello correttivo”, introdotto nelle ultime versioni, venga migliorato fino a giungere ai livelli di quello di photoshop. Se riusciranno in questo intento, passerò senza problemi a usare GIMP in pianta stabile (ora lo uso saltuariamente)

  2. spero che questo spunto porti a breve a qualche tipo di beta, ovviamente l’interfaccia non è l’unica cosa che manca gimp, ma sicuramente ormai è un prodotto maturo e meriterebbe sicuramente un po’ più di spazio. Non sarà il mio software di editing questa settimana, neanche con l’interfaccia nuova, però non escludo che nel futuro si arriverà a poterlo utilizzare come software di scelta!

  3. ops 🙂 !
    a mia discolpa devo dire che erano due file diversi che ho fuso in uno solo per esigenze di blog… non avevo molto tempo quando l’ho fatto e non ho più fatto caso!!!

    grazie di seguirci allora!

  4. Io adoro GIMP… Ho iniziato a fare lavoretti con gimp (è stato il mio primo programma di grafica)! Per il 90% delle persone “normali” (non tecnici!) gimp è pure troppo! Capisco la difficoltà dovuta all’interfaccia, poichè ho avuto lo stesso effetto provando photoshop a casa di un mio amico!
    Questo è l’ultimo lavoretto che ho fatto partendo dal logo di ubuntu!

    http://italyanker.wordpress.com/2007/09/22/wallpaper-ubuntu-ovvero-come-si-perde-una-giornata/

I commenti sono chiusi