Virtualizzazione: il terzo incomodo

Ovvero: piccola prova comparativa dei tre (anzi quattro) più famosi programmi di virtualizzazione.

Ormai si sarà capito: mi piace sperimentare la virtualizzazione sul mio PC. Non è tanto una questione di interesse personale per questa tecnologia, quanto un’esigenza dovuta al fatto che nonostante ormai lavori stabilmente su Ubuntu, in certi casi mi è necessario utilizzare applicativi di Windows, che purtroppo con Wine non girano.

A fianco di VMWare Workstation e di VirtualBox, ho così installato il terzo “incomodo” dei programmi di virtualizzazione: Parallels Workstation.

Parallels è un programma commerciale, non open-source, che nella sua versione “Desktop” è diventato piuttosto famoso su piattaforma Mac, e che da qualche tempo è disponibile anche per Windows e Linux. Una licenza costa $49.99, ma è possibile testarlo a fondo (gratuitamente) per 15 giorni.
Stando alla pura teoria, Parallels presenta alcune peculiarità molto interessanti, che dovrebbero rendere le macchine “guest” molto più rapide e responsive rispetto ai suoi concorrenti. Le principali sono due:
– una tecnologia chiamata “HyperVisor”, che consente il controllo diretto di alcune risorse hardware della macchina host
– un’ottimizzazione del programma in modo da sfruttate le capacità di virtualizzazione hardware, già presenti su alcune CPU (come l’architettura Intel VT)

Incuriosito da tanto ben di Dio, mi sono gettato nella prova: l’installazione di Parallels va via liscia come l’olio (sul sito è già presente il file .deb per Debian/Ubuntu), e nel giro di pochi minuti stavo già installando Windows XP Professional SP2.
Una volta aggiornato completamente (tramite WindowsUpdate) il sistema operativo ospite, ho installato l’applicazione che avrei in seguito usato per comparare Parallels ai suoi “predecessori”. Sto parlando di Adobe Lightroom 1.2, un programma che ho necessità di usare e del quale non esiste corrispettivo per Linux.

Ecco, in sintesi, i risultati ottenuti, sulla mia macchina (un P4 2.4GHz con 2Gb di RAM):

Avvio di Windows:
VMWare Workstation 5.5: 1’30”
VirtualBox 1.5: 45″
Parallels Workstation 2.2: 1’46”

Lancio di Adobe Lightroom (apertura di una foto compresa, fino al momento in cui il cursore è “disponibile” per iniziare il ritocco):
VMWare Workstation 5.5: 35″
VirtualBox 1.5: 31″
Parallels Workstation 2.2: 50″

Non contento ho anche sostituito il costoso VMWare Workstation 5.5 con VMWare Server 1.04, che -come probabilmente sapete- è gratuito. In questo caso le prestazioni sono risultate:
Avvio di Windows: 2’35”
Lancio di Lightroom: 37″

Come potete constatare, per quanto riguarda la velocità di caricamento sia di Windows che di Lightroom, VirtualBox la fa decisamente da padrone, facendo risparmiare ben 45″ nel caricamento di XP sul costoso VMWare Workstation, circa un minuto su Parallels e quasi due minuti sul programma free di VMWare!
Un po’ meno marcate le differenze nel caricamento di Lightroom.

Non è tutt’oro quel che luccica però, purtroppo. Sia VirtualBox che Parallels, per ridurre la quantità di calcoli necessari e quindi “snellire” il procedimento di virtualizzazione usano un trucchetto nell’emulazione della scheda grafica: il programma ridisegna soltanto le parti di schermo che vengono modificate (ad esempio dall’apertura di una finestra, o del menu Start).
Questo causa dei vistosi problemi di visualizzazione, specialmente quando si utilizzano programmi di fotografia, come Lightroom, appunto.
In VirtualBox addirittura, in alcune circostanze, lo schermo non è stato ridisegnato nemmeno in punti dove l’immagine aperta in Lightroom era stata modificata tramite gli strumenti di fotoritocco integrati nel programma di Adobe. L’apertura dei files è risultata anche molto lenta in VirtualBox, cosa che negli altri programmi di virtualizzazione non si è verificata.

Come accennato più sopra, Parallels soffre dello stesso problema grafico, anche se in misura minore rispetto a VirtualBox. Ma i presunti vantaggi delle tecnologie di ottimizzazione citate ad inizio post, e che dovrebbero essere il punto di forza di Parallels, nella mia esperienza non si sono visti.

In definitiva, il programma che complessivamente meglio si è comportato è stato VMWare Workstation 5.5.
Certo il costo del programma “giustifica” le migliori prestazioni, che si sono manifestate soprattutto nella “fedeltà” del refresh video, che ha permesso di utilizzare Lightroom piuttosto fluidamente.

Se sulla bilancia mettiamo invece il costo, VMWare Server è un’ottima alternativa gratuita: è vero che ha prodotto dei pessimi tempi nell’avvio di XP, ma una volta aperto il sistema operativo, è il programma che (insieme al gemello a pagamento) consente un’esperienza di Windows più simile al “vero”.

Per concludere: sono tutti ottimi programmi di virtualizzazione, capaci di far girare la maggior parte dei programmi senza problemi.
MS Office e OpenOffice funzionano perfettamente su tutte le piattaforme, e così anche gli altri programmi che non necessitano di un refresh video troppo frequente.
Chi necessita di virtualizzare programmi complessi dal punto di vista grafico, dovrebbe però limitare la scelta ai due prodotti VMWare. Non che gli altri due siano inutilizzabili, ma a lungo andare generano un senso di frustrazione che sarebbe meglio evitare.

44 risposte a “Virtualizzazione: il terzo incomodo”

  1. Potresti dire quanta ram (anche video) hai dato alla macchina virtuale?
    Hai usato in tutti la funzione seamless windows?
    Giusto per farmi una idea! 😉

    Comunque uso principalmente virtualbox perchè mi piace supportare applicazioni open source!

  2. azz sciamano bella comparazione! effettivamente se la metti così potrebbe essere meglio VM… aspettavo proprio qualcuno che facesse una recensione di questo tipo!

  3. @lele85: ho allocato 768mb di ram a ogni macchina virtuale. Solo virtualbox supporta la seamless virtualization “out-of-the-box”, per cui per fare un paragone più sensato non ho usato questa funzione.
    Io uso VirtualBox quasi sempre (è molto più rapido in quasi tutto) tranne quando mi servono programmi di grafica, allora uso VM.

    @Mauro: grazie! 🙂

  4. Grazie delle ulteriori info! 😉

    Volevo inoltre segnalare questo: http://www.cs.toronto.edu/~andreslc/xen-gl/
    In pratica serve per utilizzare all’interno di una macchina virtuale l’accelerazione OPENGL dell’host. Sinceramente farlo funzionare non è per niente facile (io dopo un paio di tentativi per adesso ho desistito!) e richiede un bello smanettamento nei 2 xorg.conf (host e guest), ma il progetto è ancora giovane e promette bene!

  5. Interessante! Mi sfugge però come farlo funzionare su un guest XP.
    Tra l’altro VMWare Workstation ha un supporto 3D sperimentale, ma a me non è mai andato (dopo qualche riavvio si autodisabilita, e le prestazioni sono abbastanza indecenti)

  6. @Sciamano
    Per adesso il supporto è solo per host e guest linux (bisogna caricare in entrambi un modulo per xorg), ma in futuro potrebbe essere anche per win! Le prestazioni si dovrebbero attestare sul 90% di quelle native. Quindi qui siamo a ottimi livelli. Seguo con molta attenzione questo progetto!

  7. ho provato parallels su mac…. un disastro… innanzitutto distrugge l’installazione di bootcamp, rallenta entrambi i sistemi(anche quando è disattivato), è inutilizzabile sui portatili, non è disinstallabile completamente da osx (e da windows fai prima a formattare)

  8. Ciao, innanzitutto complimentoni x la recensione….davvero formidabile!!
    Poi t volevo kiedere visto la tua conoscenza in fatto di emulazione: per caso conosci un emulatore che gira su windows per windows?? 🙂
    la domanda sembrerà un po stupida, ma il mio problema è ke ho win Vista, ma su alcuni programmi o giochi m da ancora qlke problema
    qnd volevo un’emulatore di win Xp (meglio se open-source)!
    A dire il vero m era venuta in mente anke di installare tti e 2 i sistemi operativi sul mio pc…
    Secondo te quale soluzione è meglio?? l’emulazione di xp o l’installazione di xp??
    Grazie in anticipo e ankora complimenti!!

  9. Ciao, dipende se preferisci la praticità o le prestazioni:
    il prodotto che puoi usare è VmWare Workstation per la virtualizzazione, ma, come tutte le soluzioni virtualizzate, è più lenta rispetto alle soluzioni reali.
    Una soluzione reale, invece, è più veloce, ma perdi in praticità: non puoi avere 2 sistemi operativi che girino in contemporanea!

  10. @Andre, la soluzione migliore è sempre quella di far funzionare il sistema operativo in modo nativo. Specialmente per i giochi, in quanto il 3D non viene emulato da quasi nessun programma (VMWare Workstation lo fa, ma in modo molto sperimentale ed è a dir poco instabile, oltre ad avere prestazioni infime).
    Comunque di emulatori per Windows ce ne sono parecchi, a partire da VirtualBox (che è open-source, o comunque gratis per uso personale) a finire con le varie offerte di VMWare.

  11. Ciao, in effetti la mia intenzione era quella di virtualizzare, xkè proprio cm dici tu, il fatto di avere 2 sistemi operativi mi avrebbe dato certamente qlke problema in + sopratto sotto il piano della gestione dei programmi (se devo usare contemporaneamente un programma ke è su Vista e l’altro ke invece gira su Xp, avrei dovuto accendere e pegnere il pc ogni 2per3 🙂 ) . Quindi adesso proverò cn il programma ke m hai indicato, vediamo cm m trovo. Cmq visto ke nn te l’ho ankora detto: grazie tante! Mi risolverai nn poki problemi!! 🙂

  12. @Freedreamer: sai ke nn mi ricordavo neanke più di qlla opzione?? 🙂 …cmq purtroppo nn è di utilità, t ringrazio lo stesso x la tua risposta!!

  13. @Sciamano: cm accennato 2post prima il fatto d avere la possibilità in un unico momento di tto qllo ke m serve sarebbe il massimo…xò si sa l’erba voglio nn cresce neanke nel giardino del re 🙂 …a parte i detti paesani, adesso proverò VmWare Workstation vedendo se m basta, altrimenti m farebbe tanto piacere avere una lista da parte tua (nel senso qlke altro nome, anke 2-3 bastano) visto ke m fido cecamente sul fattore qualità di virtualizzazione da parte tua!!!
    Nel caso t può risultare utile ho un portatile cn 1giga d ram. Grazie!!

  14. Penso che le opzioni disponibili attualmente le abbiamo eviscerate tutte, per cui non avrei nessuna lista aggiuntiva di programmi da darti!
    Per il resto ti dico solo questo: se la tua intenzione è emulare XP per giocare ai giochi 3D, lascia perdere…

  15. Ok grazie allora…cmq nn m serve x emulare gioki 3d, anke xkè normalmente qsti gioki sn compatibili, ma gioki un po + vekki (ke nn riuscirei ad abbandonare 🙂 ) ke cn Vista nn hanno proprio voglia d girare!! Poi allora t farò sapere, se t può interessare, cm m sn trovato cn i programmi ke proverò. Ciao e grazie ankora!!!

  16. In questo caso l’emulazione fa al caso tuo. Felice di esserti stato utile. 🙂
    Comunque guarda che qui non c’è il limite di 160 caratteri degli sms, puoi anche scrivere le parole per intero. 😛

  17. 🙂 🙂 🙂 …scusami ma è l’abitudine…adesso per l’abitudine devo pensare come si scrive in italiano…. 🙂

  18. Ciao ragazzi, sto provando VmWare Workstation e devo dire: complimentoni a chi l’ha creato 🙂 perchè è davvero intuitivo, io già avevo in mente che avrei dovuto sclerare per riuscire a farlo partire e configurarlo e invece fa praticamente tutto lui 😉 , poi non so gli altri programmi ma questo è fatto veramente bene sotto questo piano!! Ma…c’è sempre un ma…dopo averlo installato e creato il “sistema operativo” che dovrà virtualizzare, quando lo faccio partire mi dice che non è compatibile con il Windows che ho io, ma solo con win2000, xp e un’altro ma non con vista (lui lo chiama Windows 6). Io sto provando la versione 5.5.3.34685…..sto usando una versione ultra obsoleta, o è così il programma??? ….grazie 🙂

  19. Devo virtualizzare Xp esatto, perchè ho Vista…e lui non “accetta” di girare su vista, qualsiasi cosa io voglia virtualizzare.

  20. Ti dico i miei passaggi: apro wmware creo il sistema operativo poi quando dico “start this virtual machine” mi da l’errore e poi mi si blocca pure il pc…..ho provato pure con wmplayer (non so ke versione, era cn il programma) e non parte lo stesso e mi da anch’esso l’errore con conseguente impallamento del pc (porca arciderbolina 🙂 ). A dire il vero Virtual-box non l’ho ancora provato, ho deciso di povarne uno alla volta per non creare confusione (nella mia testa più ke nel pc). Comunque ora scarico la versione 6 di VmWare Workstation, penso vada bene. Poi in qualsiasi csao proverò anche virtual-box, per vedere quale è meglio. Ciao, ora anche se presto spengo il pc, ci penso domani 😉

  21. se può valere qualcosa, ho installato VirtualBox: in una manciata di minuti ho ottenuto WinXP perfettamente funzionante anche seamless su Ubuntu. Se vuoi semplicità, io proverei questo!

  22. VirtualBox è un ottimo prodotto, e l’ultima versione (a differenza delle precedenti) è anche molto user-friendly. Ha ancora qualche limite (qualcuno l’ho anche descritto in questo post), ma sono sicuro che col tempo verrà sistemato tutto e sarà un serio concorrente delle suite VMWare.
    Per un uso “casalingo”, ad ogni modo, è più che sufficiente. Per un uso professionale, bisogna valutare caso per caso.

  23. Operating system not found……è questo il risultato che mi da wmware….. 🙁
    I “problemi” che mi da sono:
    -you do not have wmware tools installed
    -VMware Workstation has measured your CPU speed to be 1596 MHz, but Windows reports that it is 1602 MHz. This may mean that your computer has a power-saving feature that varies the processor speed. As a result, the clock in your virtual machine may run too fast or too slow (questo non so se è un problema o no, purtroppo non ne riesco a percepire esattamente il significato)
    -poi ho letto velocemente di un CD boot…ma poi è scomparsa la finestra. 🙂

  24. Tra l’altro ho provato ad installare VirtualBox, ma mi dice che nel sistema c’è già installata un’altra versione del prodotto….cosa impossibile perchè l’ho conosciuto grazie a voi questo programma 😉 , comunque sono andato a verificare e infatti non è presente!
    Penso che legga wmware come programma simile…però non voglio dire una boiata…eheh 🙂 !
    Voi cosa ne pensate??
    PS: grazie ancora!!

  25. Tranquillo…..sono riuscito(con VirtualBox!!!! wow è troppo bello con 2 sistemi operativi 😛 🙂
    E ora mi posso auto-rispondere alle domande che ho posto 🙂 !!
    Il fatto che mi diceva che avevo già nel mio pc un’altra versione del prodotto era vera 🙂 , stranamente avevo già nel pc VirtualBox (non so come ci sia finito/entrato)
    Il fatto del cd boot era che io stupidamente non mettevo il cd per l’installazione del sistema operativo (che stupido) pensando che i driver erano già presenti nel programma (davvero davvero stupido!). Quindi probabilmente mi funziona anche WMware.
    Comunque grazie a tutti per l’aiuto che mi avete dato!!!
    Ora però una domanda sorge spontanea…come faccio a spostare i file dal mio sistema operativo a quello virtualizzato??? 😛

  26. Non mi faccio sentire da un po…era perchè stavo provando appieno il gusto di virtualizzare 🙂
    Comunque grazie per l’aiuto e ancora complimenti per la recensione!!!! ciao…

  27. ciao a tutti ho il seguente avviso quando faccio partire il sistema:

    VMware Workstation has measured your CPU speed to be 485 MHz, but Windows reports that it is 1596 MHz. This may mean that your computer has a power-saving feature that varies the processor speed. As a result, the clock in your virtual machine may run too fast or too slow.

    e naturalmente quando cerco di installare il sistema si riavvia tutto..
    qualcuno ha avuto il mio stesso problema?
    grazie

    uso un note hp centrino duo 1Gb ram win xp pro

  28. Si io ho avuto lo stesso problema, però dicendo avanti (o non mi ricordo il tasto che c’era in quel momento) mi ha ignorato totalmente il problema, e a me funziona normalissimamente!!

  29. Ciao a tutti. Sono un P4 2.4 Ghz 512MB Matrox 32MB.
    Ho necessità di usare per lavoro il mio “Macromedia Studio MX”:

    – Dreamweaver MX (editor xHTML)
    – Fireworks MX (grafica raster)
    – Flash MX (no comment)
    – Freehand MX (grafica vettoriale)

    Non ne posso più di windows ma WINE è disponibile a trattare solo da Studio 8 in poi.

    Vorrei sapere cosa mi conviene su Ubuntu 10.4 LST:

    Io stavo valutando VM Player 3.1
    Ma come velocità è molto diverso da VM server o VM workstation?

    Su un portatile i5 con supporto Intel VT qual’é il migliore?

  30. Ciao Ciallu,
    come avrai constatato l’articolo è vecchio di quasi tre anni… non ho più fatto prove di questo tipo, per cui non saprei dirti esattamente oggi quale virtualizzatore si comporti meglio.
    Posso solo dirti che da anni ormai uso VirtualBox e non ho mai avuto problemi.

    Ciao!

  31. Ciao Sciamano,
    grazie per avermi risposto nonostante la polvere si fosse un pò accumulata su sto post.

    Vorrei chiederti ancora, se non sono di impicment:

    1) Ma per “non ho mai avuto problemi” (riferito al tuo uso di VirtualBox) intendi dire che ora lo usi anche con le applicazioni grafiche?
    Mi sembrava di aver capito che non era molto indicato per quei tipi di software.

    2) Io ho un HD esterno di backUP NTFS USB 2.0. Se uso VirtualBox con guest WinXPpro (host sempre Ubuntu 10) potrò ancora accedervi come periferica removibile?

    3) Cosa significa “modalità seamless”?

    4) Posso fare in modo che se su Host sono collegato a internet su guest invece non ci potrà mai essere possibilità di collegarmi (e quindi né che qualcuno si colleghi a me)?

    P.S: Senza voler violare nessuna regola di questo forum… solo una piccola curiosità… ma tu su Linux non hai installato proprio nessun nessun Antivirus o Antispyware o AntiRootkit???

    Grazie ancora per la tua grande disponibilità.

  32. In ordine:

    1) VirtualBox è migliorato parecchio nel tempo, e direi che ora è usabile anche con le applicazioni grafiche. Confesso che ultimamente uso più Win7 che Linux, ma più per necessità che per ragioni che legate alla bontà dei singoli OS (ma devo dire che Win7 non è affatto male, per essere un prodotto MS!)

    2) Non vedo perché dovresti avere problemi.

    3) vuol dire che il desktop dell’OS guest si “fonde” con quello server. E’ più difficile da spiegare che da fare, prova e vedrai che capisci al volo!

    4) certo, basta che nei settaggi di rete elimini le schede di rete o comunque configuri il tutto affinché non vi sia accesso a Internet.

    Riguardo al PS: esatto, niente antivirus né altro.

    Ciao!

I commenti sono chiusi