La vergogna di Heroes

Sulla scia del post di Fox, eccovi uno splendido intervento di Aldo Grasso (ndr critico televisivo) su CorriereTV: ma è possibile cambiare programmazione secondo solo logiche di mercato, senza tener mai conto degli spettatori?

Guarda il video

mah..giudicate voi, io mi sono trovato molto d’accordo.

12 risposte a “La vergogna di Heroes”

  1. d’accordissimo anche io soprattutto sul discorso della programmazione che non deve essere a casaccio ma seguendo una precisa linea editoriale, gli ascolti del resto si ottengono anche fidelizzando il pubblico. Proprio non riesco a capire cosa sia cambiato quest’anno, l’anno scorso le cose andavano molto bene, la programmazione era precisa e curata (pensiamo alle serate a tema, la serata DOC e la serata CRIME che hanno riscosso molto successo), ora invece siamo allo sbando più completo…

  2. alleggerisco il post: Hayden Panettiere, la cheerleader nella serie, ha preso alla lettera gli insegnamenti di Heroes e si è recata in giappone, insieme ad un gruppo di giovani surfers, per manifestare il proprio disgusto alla mattanza dei delfini per ottenere il sushi, nuotando tra le barche dei pescatori e i cetacei. eccovi il link con il video, molto interessante anche questo…

    Link al video

  3. Cosa pretendete, Mediaset ormai è in mano al PierSilvio… 😉
    E comunque in USA stan messi pure peggio, lì sospendono i telefilm all’ultima puntata, e chissenefrega di quelli che si sono viste tutte le precedenti 23…

  4. Un vero peccato che dei lavori televisivi così curati e tecnologici (vedi effetti grafici sui personaggi) siano trattati in questo modo sull altare di non so bene cosa.
    Sono diversi anni ormai che le serie televisive hanno smesso di essere le sorelle minori dei film da cinema; anzi spesso sono anche migliori. Ma i soldi spesi per acquistarne i diritti di diffusione non contano?
    Intanto da domenica 4 novembre la RTSI (televisione svizzera di lingua italiana) inizia la diffusione della terza stagione di LOST, e questo canale, pubblico, non smette di sicuro a metà…

  5. ah, ero finito nello spam, grazie a askimet! in compenso poco più in alto tra i commenti c’è un interessante link ad un video che avevo postato prima…per chi interessa!

  6. Sante parole… E’ grosso modo quello che su internet i fan della serie dicono dal primo giorno! Giorno sbagliato, orario sbagliato, gestione del piffero…
    Aldo Grasso conclude +/- così:

    “…se in Italia esistesse davvero la concorrenza io credo che il vostro posto sarebbe molto molto a rischio…”

    io avrei detto

    “…se in Italia esistesse davvero la concorrenza io credo che il vostro posto sarebbe a vendere le sigarette di contrabbando…”

    senza offesa per i contrabbandieri…

I commenti sono chiusi