Recupero dati Low Cost/Smarrimento very fast…

Questa storia che sto per raccontarvi ancora non si è conclusa perchè probabilmente ora passerà nelle mani di un avvocato per arrivare ad una conclusione del tipo:”e tutti vissero felici e contenti”. Purtroppo al momento siamo molto lontani da ciò. 

I Protagonisti di questa storia siamo io, il mio mac e la società XYZ (www.XYZ.it ndr il nome è oscurato 🙂 ). Tutto comincia in quel di agosto, una settimana prima che io partissi per la mostra del cinema di Venezia, quando l’Hard Disk del mio Mac cominciò a fare quel ticchettio meglio conosciuto come il “suono della morte”(dell’hard disk, non del propietario). Subito tentai la rianimazione in vari modi ma ovviamente la testina era rotta definitivamente e l’unico modo di recuperare i dati sopra salvati era di affidare l’hard disk a qualcuno dotato di camera bianca ed in grado di ripararlo. Dopo una breve ricerca su internet ho trovato un’azienda mezza inglese che prometteva il recupero dei dati con una spesa massima di 400€. Bé perfetto no? oltretutto il sito di questa azienda era tutt’altro che preoccupante, anzi, era assolutamente rassicurante: loghi di importanti aziende, ringraziamenti di clienti(a quelli comunque ci credo sempre poco) e soprattutto la garanzia di un grande gruppo inglese alle spalle. Cose rassicuranti no? Ho compilato subito il modulo su internet e in tempo brevissimo il signor M. G. mi ricontatta per ricevere ulteriori dettagli sul problema e mi assicura che su quella tipologia di Hard Disk(Hitachi) eseguono tantissimi interventi simili e mi dice che, se lo spedisco ad un ufficio di milano(una reception che fa da mailbox), mi faranno avere un preventivo. In questi casi, mi dice, solitamente è attorno ai 250€. Perfetto dico io, dopotutto su quell’hard disk ho foto di cui purtroppo non ho fatto il backup che vorrei poter recuperare(oltre ai ricordi di un viaggio a Londra con un amico e un viaggio in Australia ho altre foto che senza i RAW non ho nessuna speranza di vendere…) quindi compilo il modulo di invio e approfittando di un viaggio di lavoro di mio padre a Milano gli faccio portare il pacco a mano alla mailbox indicatami. Anche qui mi trovo di fronte ad una efficienza inaspettata: dopo due giorni vengo contattato sempre dal signor M.G. che mi comunica che l’Hard Disk è stato ricevuto, mi conferma il preventivo, che accetto, e subito dopo parto col cuore in pace alla volta di Venezia consapevole che al mio ritorno avrei trovato sia le mie foto che il mio mac in perfetta forma(intanto avevo ordinato un HD sostitutivo). In un mondo perfetto forse le cose sarebbero andate così. Dopo due giorni che mi trovo a Venezia, M.G. mi richiama e mi comunica che: Si, hanno cominciato a recuperare i dati ma la testina si è rotta definitivamente e richiede la sostituzione, purtroppo con questo lavoro bisognerà pagare in anticipo in quanto loro devono ordinare il pezzo, la riparazione quindi sale a 320€+IVA. Ovviamente questo era un intoppo prevedibile quindi passo la palla a casa(io a venezia ero dotato di connessione GPRS da cellulare ed era troppo lenta per fare il pagamento on line) e faccio inviare il pagamento. Dopo una settimana ricevo da M.G. un’altra telefonata durante la quale mi dice che la testina è stata cambiata ma i dati sull’HD sono tutti corrotti. Bene! Lui però, il nostro eroe, ha spedito il tutto in un reparto dove recuperano i file anche per l’antiterrorismo e compagnia, dove con una macchina speciale(in vita mia ho recuperato dati corrotti con software freeware ma va bè) sono riusciti a recuperare 3gb di dati(su 50gb di foto). Però questo reparto vorrebbe 1000€ che il sig M.G. (grande eroe) è riuscito in virtù di favori di cui era in credito a far abbassare a 250€+IVA (leggetela come volete). Faccio notare al signor M.G. che al primo contatto mi aveva assicurato che nemmeno a causa di una collisione tra nettuno e plutone con il mio HD in mezzo il prezzo finale avrebbe superato i 400€. Due conti in tasca e due conti reali e decido che con quello spendo per 3gb ci torno in Australia e nel frattempo faccio anche una capatina a Londra. Mando subito una mail all’attenzione di M.G. dicendo di rimandarmi il mio HD con le riparazioni fatte a casa. Dopo una settimana senza notizie chiamo M.G. e scopro che la casella di mail a cui dicono di mandare qualsiasi domanda non la aprono nemmeno. Però mi assicura che lo spedisce la sera stessa.

 

Lascio una riga bianca perchè nel frattempo è passato un mese. L’HD non l’ho più visto, M.G. non l’ho più sentito. La mia rabbia in compenso saliva. Ho chiamato allora il loro numero verde, ma senza ottenere risposta. L’ho chiamato per un mese. Quando finalmente un dì (2 mesi dopo) mentre io non ero in casa mio padre riesce a parlarci e dice all’operatore di chiamarmi subito sul cellulare, così fa e subito la persona che risponde ci tiene a dirmi che M.G. non c’è e lui si chiama M.(stesso nome) F.(non ricordo il cognome e lo invento). Peccato che M.G. ha un tono di voce molto particolare che chiunque riconoscerebbe anche tra mille altri e il signor M.F ha proprio lo stesso tono. Questi mi dice dopo varie insistenze che l’HD è stato spedito e, dopo altre insistenze, ammette anche che esso è stato spedito per posta. Si posta punto perchè manco per posta raccomandata o prioritaria lo hanno spedito. Io in quel momento per puro caso mi trovavo in università dove dispongo un collegamento ad internet e lesto come un gatto sono andato sul loro contratto di servizio che al punto 5.3 cita così:

 

5.3. Tutti i dati recuperati da XYZ vengono restituiti al cliente per via di servizi tracciabili con consegna entro il giorno successivo. Questi servizi includono UPS, TNT o Fedex. E’ comunque possibile organizzare la restituzione dei dati al cliente in modo diverso. A volte XYZ si riserva il diritto di addebitare al cliente le spese postali del servizio fornito e qualsiasi spesa amministrativa ad esso connesso. Questi costi sono aggiuntivi rispetto ai costi di recupero dati.

 

Dopo la lettura del suddetto lui mi risponde con un: “non so cosa dirle…” io lo sapevo benissimo cosa dirgli ma siccome sono un gentil uomo mi sono trattenuto. Comunque lui mi assicura che parlerà con il servizio clienti e mi fara restituire la somma pagata e mi rimborseranno anche l’HD. Bene dico io, quando mi fa sapere? entro fine settimana. Due settimane dopo l’ho richiamato io e per farla breve siamo andati avanti fino ad oggi. Oggi abbiamo concluso le vie amichevoli in quanto il sig. M.G. dopo infinite richieste da parte mi ha comunicato che l’ufficio non mi rimborserà nulla perchè loro il prodotto lo hanno spedito. 

A voi la sentenza.

119 risposte a “Recupero dati Low Cost/Smarrimento very fast…”

  1. a me è sufficiente che qualcuno sia disposto a dimostrare il torto subito. . . . . Con me la visibilitá si ha DI SICURO. . . . . . Chi è di Milano o dintorni puó contattarmi lasciando il nome cognone e nr di tel a questa mail lorydiniki@gmail.com

  2. Purtroppo io non posso essere d’aiuto perchè dopo aver “annusato” la truffa mi sono precipitato di persona in Largo Richini in quella pseudo-reception (che nulla ha a che fare con la Pronto Dati, è solo una reception in affitto) a riprendermi l’hard disk prima che venisse spedito. Quindi faccio appello anch’io a coloro che sono caduti nella trappola:
    mettetevi in contatto con lorydinik lorydiniki@gmail.com per fare una class action! Fatelo in più che potete!

  3. Ho spedito il mio hard disk a salvataggio-dati. Sono stati molto cortesi fino al pagamento. Dopo è diventato impossibile ricevere notizie da loro. Ho trovato questo forum e mi sono molto preoccupato. In seguito ad una mail abbastanza minacciosa sono riuscito a ricevere una risposta e a distanza di soli 2 giorni anche i miei dati completamente recuperati. Non ho ancora notizie del mio hard disk ma volevo tranquillizzare chi come si è fidato di questa azienda del fatto che, nonostante l’alone di mistero che li circonda e la loro scarsa serietà, non si tratta di una truffa.

  4. Ciao,
    stessa storia con me. Fortunatamente grazie a voi mi sono fermato prima di pagare. Sto cercando di recuperare il mio drive. Gli ho scritto una mail piuttosto minacciosa. Vediamo cosa rispondono altrimenti lunedì li vado a denunciare. Grazieeee

  5. Purtroppo anch’io sono un pesce caduto nella rete di questa fantomatica ditta italo/inglese che “cerca” di recuperare i tuoi dati…

    Dopo aver inviato l’HD sono stato contattato da L.A. (forse lo stesso personaggio con atri nomi) che mi chiedeva 300euro+IVA inglese per il recupero dei pezzi rotti (ho tolto l’HD dal portatile e ricollegandolo come esterno mi è andato in corto, errore mio) dicendogli che la somma era alta per il valore dell’HD. Mi è stato risposto che il costo elevato era dovuto alla manutenzione ed alla camera bianca…

    Comunque dopo alcuni giorni mi è stato risposto che il lavoro non aveva avuto successo (quindi non avrei dovuto sborsare altri 300euro per il recupero dati) e che mi rimandavano tramite DHL l’HD, cosa che puntualmente avveniva in 48 ore con tracciatura della spedizione rilevabile tramite il sito DHL.

    Aprendo il pacchetto ho notato si che il numero di pratica era stato scritto sull’HD ma tutto il materiale sembrava integro senza aperture varie…

    Sto provando a contattare il numero verde, la mail di riferimento della persona con cui ho parlato ma niente, mi dice numero scollegato, mi sa che andrò a casa di un amico e vedrò se mi rispondono…

    La fattura (essendo ditta) mi è arrivata insieme al “pacco”, senza IVA ma la commercialista mi dice che devo aprire una pratica per movimenti internazionali che mi costerà 50 euro (l’IVA totale è 60), quindi se si potrò scaricare l’importo dovrei spenderne altri…

    Non sò, mi sa di imbroglio tutta questa faccenda, col senno di poi… Quello che mi secca è che si sono già presi 300 euretti che in periodi come questi sarebbero stati molto più utili donati a chi ne ha veramente bisogno senza ricorrere a trucchetti vari per spillare soldi a chi, come me, voleva solamente recuperare delle fotografie dei primi anni di vita dei propri figli…

    Sarei disponibile ad aiutare chi vuole approfondire la faccenda fornendo tutto il materiale in mio possesso (relazioni e mail) per poter recuperare il maltolto.

    Più che altro sono amareggiato e deluso di tutto questo anche se spero di poter trovare un’azienda CAPACE di risolvere senza dover ricominciare da capo… E’ proprio vero, non bisogna mai abbassare la guardia…

    Scusate lo sfogo…

  6. Potresti contattare l’utente che ha proposto poco sopra una class action, il suo indirizzo è lorydiniki@gmail.com. Se vi mettete d’accordo potete incrociare le informazioni in tuo possesso con quelle di cui già si dispone.
    Per quanto riguarda un azienda che fa un servizio veloce, professionale e non costoso come la Kroll Ontrack è la Between Sas (sito http://www.therecovery.com). E’ di Origgio in provincia di Varese, io mi sono rivolto a loro dopo la brutta esperienza con la Prontodati. Vai sul sicuro! E ti rispondono al telefono a qualsiasi orario di qualsiasi giorno.

  7. Salve,
    Sono l’ennesimo pollo…
    Il signor S.L. mi ha chiesto 360€ per recuperare dei dati da una sd..
    Gli ho detto di no e mi stanno rimandando a casa la scheda.
    Sono passati 6 giorni lavorativi ma nulla. Ho speso 30€ di invio pacco.
    Ora comincio a minacciarli via mail..
    Bisognerebbe fargliela pagare legalmente a questi LADRI!!

  8. ankio sono stato truffato da sti infami!!!! quasi quasi vado ad aspettare il fattorino ke ritira gli HD a Milano….e lo seguo x vedere dove realmente finiscono…anke a me hanno fottuto ben 300 euro spero possano spenderli tutti in medicine per loro e quelli come loro!!!

  9. a me, per recuperare dati da un hd, avevano fatto un preventivo di 150 €. Quando mi hanno mandato la mail con la lista dei dati recuperati, circa mezzo giga, (oltre tutto ho saputo telefonicamente che il lavoro era stato tutto sommato semplice) ne hanno richiesti 600!!! Alle mie telefonate e mail di protesta non ho avuto alcun riscontro. Ho chiesto la restituzione dell’hard disk, che ovviamente non riceverò mai. Al “signor” S.L., che mi aveva fatto il preventivo, ho offerto 200 €.; ha detto che avrebbe sentito i responsabili ma non più saputo niente. Ho parlato con P.M. dell’ufficio reclami. Mi ha promesso di interessarsi della questione ma anche lui, come tutti gli altri, non si è più fatto vivo. Sembrano fatti tutti con lo stampino! E hanno avuto anche il coraggio di scrivermi che la società (ma qual’è questa società?) lavora “seriamente” !! Meno male. Figuriamoci cosa sarebbe successo se non lavoravano seriamente !!

  10. Salve,
    descrivo la mia esperienza: avevo un hard disk da 500 gb seagate visto come 0 byte, decido di affidarmi a KO per avere un preventivo i quali mi sparano la modica cifra di 1280 euro + Iva + costo spedizione + costo di un nuovo hd e mi dicono che il mio hd deve essere lavorato in camera bianca (totalmete falso). Una volta ricevuto il preventivo e la file list decido di contattare altre aziende per capire se il mio problema era risolvibile ad un prezzo inferiore anche perchè il contenuto del disco non mi era di vitale importanza cosi dopo aver fatto varie telefonate il miglior prezzo mi è stato offerto da http://www.newtechsystem.it
    Decido di non accettare il preventivo di KO e chiedo la restituzione del disco il quale mi viene restituito senza nessun costo e con ancora i sigilli originali qundi l’hd non necessitava di lavorazione in camera bianca (che ladroni!! volevano quasi 1500 euro per un problema logico)
    Una volta riavuto il mio hard disk l’ho portato di persona alla Newtechsystem Recupero Dati di Ciampino e dopo 3 giorni ho riavuto tutti i midei dati senza perdere nemmeno un singolo files ad un prezzo molto ma molto inferiore.

  11. Apprendo solo ora di non essere l’unico ad avere problemi con Pronto Dati. Ho inviato un scheda CF per recupero dati in quanto rovinato il collegamento con inserimento nel lettore. Ricevo preventivo riportante i costi indicati nel sito, ma comunque rimandando il tutto a preventivo.
    Dopo varie, e peraltro inutili telefonate del nuovo account mi viene inviato preventivo con indicata la spesa richiesta. 1.160 euro + iva.
    Ovviamente rifiuto e chiedo la restituzione della scheda. Mi viene inoltrata mail con la quale richiedono di indicare se voglio venga restituita per posta (e scopro che utilizzano società postali estere tranne quella italiana) gratuitamente, ma in 21 gg. e non tracciabile, oppure pagare 15 euro per invio con DHL, tramite carta di credito, ma non tramite banca bensì inviando i dati della carta ad un “account” tramite sito protetto (?) che eseguirà l’addebito manualmente (mah!), oppure viene indicata una mail ove inviare pagamento tramite Paypal, ma pagamento a chi? con quali dati. Ma soprattutto perché non bonifico bancario.
    Qualcuno ha avuto analoga esperienza.

    Grazie

  12. Mi domando come questi siano ancora in giro. Un amico mio ci ha lavorato, e conferma che la pratica e’ purtroppo questa. sono un azienda inglese che lavora da anni nel settore, sempre spacciandosi per locali. In tutta europa fanno cosim e infatti basterebbe vedere la reputazione della Fields Analytics in UK per capire che farabutti che sono.
    Sempre dando preventivi irrisori al telefono che poi sono dei salassi una volta ottenuto il disco in inghilterra. A quel punto diventerebbe tipo un ricatto…roba da sanzione antitrust come minimo…ma questi continuano indisturbati. Qui gatta ci cova… Il mio amico diceva che molto probabilmente le testine manco le comprano, e infatti si legge ogni tanto di gente che si lamenta dei dischi con i sigilli ancora presenti nonsotante gli interventi di sostituzione testine siano stati effettuati, a loro dire.. Il mio amico e’ scappato da li ovviamente, ma porca miseria che tristezza pero’. Mi son fatto raccontare parecchio da lui perche’ trovo intrigante la letteratura di lamentele attorno a sta azienda..e di gente che dice di averli denunciati ce ne e’ parecchia pare..boh.

    Condizioni del servizio con clausole vessatorie non sottoscritte dal cliente, non credo paghino nessuna tassa in italia, mi diceva di fatture false con numeri di altri clienti INTRASTAT solo per far pagare meno l’operazione al pollo italiano, che in realta’ anche pensa di scaricarsi l’iva magari…
    Cioe’ predoni in tutta europa, impuniti da anni…mah!

    Bisogna fare tanti backup e pregare di non aver mai bisogno di loro, o della Kroll che pare lavori benissimo a costi proibitivi per la maggior parte di noi.

  13. Ecco, io ho inviato un paio di giorni fa il mio HD alla Salvataggio dati perchè in rete avevo trovato recensioni positive, non sapendo che il sito che le conteneva era pilotato e che la Salvataggio Dati è anche la Pronto Dati. Leggendo il post di macs vedo che anche pagando il corriere per la restituzione (cosa che ho intenzione di fare indipendentemente dal preventivo che mi verrà spedito) ci sono dubbi circa le modalità di gestione di carta di credito/paypal. Di contro ho il timore che la spedizione con posta ordinaria sia rischiosa per il dispositivo (che non vorrei danneggiare ulteriormente) o che addirittura non sia neppure presa in considerazione dalla ditta.
    Cosa mi consigliate di fare?
    grazie

    1. Per la cronaca lunedì ho ricevuto una mail di preventivo che recitava:

      “Il disco presenta un problema meccanico al blocco HDA delle testine di lettura/scrittura che impedisce di accedere ai dati contenuti nel disco stesso. Si richiede pertanto l’acquisto e la sostituzione del blocco HDA delle testine di lettura/scrittura per ottenerere il recupero dei dati in quanto e’ necessario avere delle componenti compatibili(con lo stesso numero di serie) che ci garantiscano la funzionalità minima necessaria.
      Preventivo costi: (Soggetto all’approvazione del cliente) valido per 2 giorni.
      Prima parte
      Totale senza IVA = 390€ + IVA inglese al 20% (oppure 429€ se le testine vengono ordinate appositamente)
      Se tale operazione dovesse avere successo, per recuperare I dati dovrà farsi carico del costo della seconda pate. Nel caso di non riuscita dell’operazione, non le verrà rimborsato il costo della prima parte.
      Seconda Parte a partire da 370€ + IVA inglese al 20%”.

      Grazie ai vostri commenti ho capito che vogliono fregare anche me e quindi ho rifiutato il preventivo e chiesto la restituzione dell’hard disk. Mi hanno fanno pagare 30 euro per la spedizione con corriere (che ho pagato tramite postepay per evitare qualsiasi rischio con il conto corrente) e fortunatamente mi è arrivato già il giorno dopo.
      La fregatura dunque persiste…
      Grazie a tutti
      elena

I commenti sono chiusi