Georeferenziare le fotografie su Mac OSX: HoudahGeo!

Logo HoudahGeo
HoudahGeo

Oggi parliamo di HoudahGeo!

Avevamo già parlato in precedenza di diverse modalità per associare ad una serie di immagini dei dati geografici (cfr. Geotagging automatico (ed economico)Geotagging di file RAW e Lightroom 2Geotags: la nuova frontiera di Flickr!), oggi parliamo di come effettuare la stessa operazione utilizzando la piattaforma Mac.

Ripassino: perché “geotaggare” delle fotografie? Immaginate di fare una gita fotografica, una vacanza, una serie di rilevazioni sul territorio e di volere/avere la necessità di scattare molte fotografie; un tempo sarebbe stato improponibile segnare su un atlante dove avevate scattato veramente le immagini e poi allegare il tutto al classico album cartaceo. Con l’avvento del digitale queste barriere sono state abbattute e grazie a qualche ausilio hardware e software è possibile utilizzare le informazioni GPS per georeferenziare correttamente ogni fotografia scattata.

Di cosa abbiamo bisogno?

Esistono in commercio diverse fotocamere con GPS integrato, che quindi eliminano il problema di effettuare il geotagging a posteriori, ma dato che non sono ancora molto diffuse e sono costosette, il metodo più economico e rodato è l’utilizzo di un GPS logger, ovvero un device hardware con un sistema di ricezione GPS che registra ad intervalli regolari la posizione dell’utente. Mi sento di consigliare due opzioni, una è lo strumento di cui Sciamano ha già parlato in un passato articolo, i-GotU, l’altro sistema invece è ad appannaggio di chi possiede un telefono Nokia con Symbian S60 con GPS integrato: installate Nokia Sports Tracker ed avrete (gratuitamente) un ottimo GPS logger che vi fornisce graficamente su cellulare anche il percorso fatto (esportabile su Google Earth in formato .kml) oppure il download del file di log .gpx (GPS eXchange Format), che ci servirà per georeferenziare tutte le immagini.

Per Windows esiste GeoSetter di cui abbiamo già parlato e che funziona egregiamente, per mac invece vi consiglio HoudahGeo, un software prodotto da Houdah che permette di registrare all’interno dell’immagini latitudine, longitune e altitudine tramite il salvataggio nei dati EXIF, IPTC e XMP. Rispondo subito alla prima domanda: ma funziona con i file RAW??? Certo! HoudahGeo sfrutta l’ottimo software ExifTool di Phil Harvey per interagire con i vari formati grazzi, supportando quindi molti formati RAW proprietari (qui una lista completa).

Il funzionamento è molto semplice, ve lo mostro all’interno di un workflow normale.

Settimana scorsa, approfittando di una splendida giornata, ho fatto il giro del lago di Varese in bicicletta, alla ricerca di luoghi da tornare a fotografare. Ho acceso quindi il mio Nokia, attivato Nokia Sports Tracker su un 6110 Navigator e iniziato a girare. Mi sono fermato più e più volte per scattare qualche fotografia con una DSLR e dopo un paio di ore ho “chiuso l’anello” e sono tornato a casa a scaricare le immagini. Nel frattempo esporto in formato .gpx il log del GPS con tutte le posizioni.

Utilizzate il software che volete per gestire il vostro workflow, HoudahGeo è anche in grado di caricare immagini dai più classici flussi di lavoro Mac: iPhoto, Aperture, Lightroom 2.

Finestra di importazione da libreria.
Finestra di importazione da libreria.

Il meccanismo alla base è molto semplice: nel file .gpx per ogni rilevazione si trova l’orario e la posizione geografica, nei file di immagine troviamo sempre l’orario – in pratica HoudahGeo associa alle immagini con un orario simile una certa latitudine, longitudine ed altitudine. Se non possedete un GPS logger potrete comunque geotaggare le immagini manualmente, appuntandole direttamente su Google Earth o l’interfaccia integrata di Google Maps.

Assegna una posizione tramite Google Maps.
Assegna una posizione tramite Google Maps.

Aggiungiamo poi il file di log del GPS (possibilità di utilizzare sia informazioni GPX che NMEA) e vedrete apparire a fianco ai nomi dei file tutte le informazioni geografiche associate da Houdahgeo!

Selezione del metodo di geotagging.
Selezione del metodo di geotagging.

Detto questo potreste voler essere sicuri che l’operazione sia andata a buon fine: dal menu View selezionate Show Map, Show Preview, Show Inspector per avere tutte le informazioni foto per foto di quello che HoudahGeo ha fatto per voi! Altro trucchetto: è possibile addirittura inserire nei tag anche città, regione e paese effettuando una ricerca tramite le coordinate geografiche in automatico! Basterà cliccare sul menu Geocode -> Reverse Geocode.

finestra_houdahgeo-2

Una volta ultimata questa fase, dovrete esportare i nuovi metadati creati:

E' possibile esportare semplicemente i metadati nell'immagine oppure verso altri programmi.
E' possibile esportare semplicemente i metadati nell'immagine oppure verso altri programmi.

L’esportazione è il valore aggiunto di questo programma molto semplice da utilizzare. Oltre all’esportazione nei metadati, che può essere fatta sia sui file originali che su copie, HoudahGeo permette di esportare i dati verso software di terze parti, a partire da Google Earth e Google Maps ma anche Flickr e Locr. Personalmente ho sfruttato il collegamento con la grande G e creato una mappa contenente sia le informazioni fotografiche che il percorso fatto, tutto direttamente dalla comoda interfaccia software che restituisce un file .kml con tutte le thumbnails generate.

Tramite un piccolo passaggio in Google Earth ho anche inserito un piccolo esempio di mappa con tanto di percorso effettuato, registrato dal mio GPS logger su Nokia:

[xmlgm {http://www.drmaurophotography.com/Lago-Varese-Finale/lago.kml}]

p.s.: offline Google Earth riesce tranquillamente a mostrare anche le immagini, purtroppo il plugin di WordPress non riesce a riconoscere correttamente il formato kml, cercherò un fix a breve!

Licenza: Shareware

Prezzo: Licenza singolo utente 30$ (disponibili altre licenze a prezzi diversi, compreso sconto studenti!)

6 risposte a “Georeferenziare le fotografie su Mac OSX: HoudahGeo!”

  1. 1) Ma se si caricano le foto da iphoto e/o aperture poi una volta geotaggate bisogna reimportarle o i loro metedati vengono automaticamente aggiornati anche all’interno dei due programmi.
    2) Che tu sappia, tramite le nuove funzioni di geolocalizzazione di iphoto 09 è possibile taggare le foto da un file generato da un tracker senza utilizzare altri programmi?
    Grazie

  2. ciao, dunque rispondo ai tuoi quesiti: dai miei tentativi ti posso dire che iPhoto salva i dati exif durante l’importazione delle immagini, non aggiornandoli successivamente a modifiche da parte di software esterni. Tramite le FAQ ho trovato questa risposta, dove appunto si consiglia come workflow di geotaggare le immagini prima di importarle:

    http://www.houdah.com/houdahGeo/faq.html#Why_cant_iPhoto__Aperture_seen_

    Riguardo la seconda domanda, per quanto ho potuto usare iPhoto ’09 trovo abbastanza scomodo il sistema di georeferenziazione incluso. Non sono a conoscenza di un modo per inserire dati generati da un gps logger in formato gpx o nmea… spero di esserti stato utile!

  3. Mi scuso se ne approfitto per una comunicazione tecnica: ma o sono decisamente abbioccato, o non trovo un modo per contattare privatamente la redazione: nella pagina “Contatti” si supporrebbe che ci sia una form, ma non la vedo…

    Scusate e grazie.

I commenti sono chiusi