Blackbird, fly – Lomo!!

Blackbird flyNell’era del digitale, dove la qualità dell’immagine è ormai alla portata di tutti, esiste una nicchia di appassionati di fotografia che gode nell’ottenere delle fotografie non esposte proprio correttamente, non perfettamente a fuoco, magari leggermente vignettate e tutto questo sfruttando tecnologie analogiche (dicesi rullino di pellicola). Pazzi? non penso proprio… sebbene questo modo di vedere stia diventando per certi versi una “moda”, né più né meno come per chi insegue sempre l’ultimo modello di DSLR.

C’è da dire però che nel concetto di base questo modo di approcciarsi alla fotografia c’è qualcosa di affascinante. Abituati come siamo a scattare mille volte senza pensarci troppo, tornare indietro ed avere al massimo 24 o 36 pose è come fare un balzo nel passato. Un modo per concentrarsi più sul soggetto da fotografare che sulla macchina fotografica, restituendo forse un po’ di quella bella sensazione che si aveva andando a sviluppare il rullino per vedere “cosa era venuto”!

Oggi, a proposito di tutto questo mondo, parliamo di “Blackbird, fly“, per gli amici “BBF”. Questo piccolo gioiello mi ha davvero stupito, non solo per la bellezza dell’oggetto in sé, ma soprattutto per il risultato ottenuto già dal primo rullino esposto.

black-bird-fly-camera

Stiamo parlando di una toy-camera TLR (Twin Lens Reflex) dotata di obiettivo da 33mm e focale di f/7 (overcast e shadow) ed f/11 (pieno sole), con mirino a pozzetto, pellicola da 35 mm (quindi mooolto più semplice da trovare e poi sviluppare, ad esempio rispetto al formato 120 di Holga), hot-shoe compatibile anche con i flash moderni, messa a fuoco da 0.8m ad infinito, scocca e meccanismi principali completamente in plastica.

Alla prima occhiata la Blackbird, fly si presenta come una fotocamera compatta, molto graziosa e dal design ottimizzato per essere facilmente maneggiabile. La sua forma ricalca le fotocamere TLR di un tempo, come la splendida Rolleiflex o le più economiche Lubitel. I comandi sono ben distribuiti tutt’intorno alle due ottiche frontali: la manopola di trascinamento della pellicola, la piastrina a caldo per il flash, la levetta di scatto… all’inizio per uno come me che utilizza una Nikon D300, è sembrato un marchingegno incredibile, ma dopo i primi scatti vi posso assicurare che la BBF è tutt’altro che difficile da usare.

Il caricamento della pellicola 35mm si effettua aprendo il coperchio posteriore; questa è l’operazione più delicata e se vogliamo più difficile, perché l’invito sul quale si inserisce la pellicola a volte non si aggancia correttamente, ma per il momento questo è successo solo con un particolare rullino.

Fatto questo, siete pronti per scattare!

La bellezza di BBF è che una volta fatto un giro di prova con un rullino di test, in modo tale da capire sotto quale luce poter lavorare a f7 / f11 o posa B, i risultati arrivano in fretta.

L’immagine qui sotto fa parte del primo Fuji 400 ASA esposto:
BBF-TEST-JPG03

“Blackbird, fly” ha la possibilità di scattare fotografie 24×36, 24×24 e, togliendo l’adattatore, anche a pieno formato, esponendo anche intorno ai fori. Questa caratteristica è forse la più accattivante e che permette di ottenere interessanti risultati.

Non sarà la più economica tra le toy camera, ma di sicuro è quella che mi ha spinto a provare ad entrare, almeno con un piede, nel modo della lomo photography.

La mia l’ho comprata su Amazon.co.uk (niente spese doganali, W la UE), fatevi un giro!

4 risposte a “Blackbird, fly – Lomo!!”

  1. ciao…scusami sto cercando di comprarla anche io ma mi dice che non me lo può inviare al mio indirizzo…sai perchè?grazie

  2. Ciao. Ho una domanda a cui non ho ancora trovato risposta su questa camera.
    Nel pozzetto si “vede” la messa a fuoco? O come in qualunque altra diana/holga si valuta a “metri”?

  3. Daniele,
    no assolutamente no! l’immagine nel pozzetto è sempre a fuoco. La messa a fuoco viene fatta calcolando la distanza del soggetto e ruotando l’anello apposito sulla lente più in basso -> il valore riportato sulla ghiera sarà la distanza del soggetto in metri.

  4. Ciao! Io ho un piccolo problema nell’inserire il rullino…seguo le indicazioni in inglese ma…..bah! esistono tutorial video?! Grazie!

I commenti sono chiusi