Modifica la tua compattina Canon per salvare in formato RAW

Se avete una compatta Canon equipaggiata con i processori Digic II, Digic III o Digic IV, potete sfruttare un hack del firmware e modificarla in modo da salvare i vostri scatti in formato RAW, e sfruttare così tutti i vantaggi del formato nativo.
chdklogofull_bright

Il blog di informaniaci ha scritto una bella guida in italiano. Altrimenti se non avete problemi con l’inglese, andate direttamente al sito del progetto CHDK (Canon Hack Development Kit).

Nota importante: questa modifica non invalida la garanzia!

DIY: Beauty dish per intenditori

Dopo un po’ di pausa, ecco un nuovo progetto DIY direttamente dal mondo di Strobist. Dopo il ring-flash (spartano come pochi), micro-studio fotografico (ancora più spartano)) ed il disco per il bilanciamento dei bianchi, finalmente un progetto che sulla carta non dovrebbe farvi vergognare di mostrarlo ad altri. Non per questo però vi costerà una fortuna!

Il beauty dish è un sistema di illuminazione che offre la direzionalità del fascio luminoso unito alla praticità della soft-box, che permette un’illuminazione diffusa con ombre morbide. Il sistema è composto da una parabola riflettente sulla quale viene fatta rimbalzare la luce della fonte luminosa. In commercio se ne trovano di varie dimensioni, materiali e caratteristiche come ad esempio questo di Profoto; piccolo particolare, il costo esorbitante di queste soluzioni.

Beh, prima di cominciare a costruirlo, vi mostro un video giusto per farvi venire l’acquolina in bocca:

Dopo il salto, vi spiego come crearne uno..

Leggi tutto “DIY: Beauty dish per intenditori”

Geotagging di file RAW e Lightroom 2

Settembre! Si torna tutti al lavoro, eh sì, chi più e chi meno ;). Ma cosa c’è di meglio che sistemare le foto delle vacanze? Nel mio caso, poco altro.

Nella lunga sequela di paranoie che caratterizzano l’editing delle mie fotografie, c’è recentemente quella di non ricordarmi più in che luogo esatto sono state scattate. Ora, non mi sembra il caso di investire migliaia di euro per avere una fotocamera con GPS integrato, però un sistema che permetta di georeferenziare un’immagine cliccando magari su una cartina, non sarebbe male.

A questo proposito in giro per la rete sono incappato in Geosetter, fantastico tool freeware che permette di aggiungere un riferimento GPS a molti formati di immagine, inclusi diversi formati RAW (tra cui CRW, NEF, DNG…).

Il sistema è molto semplice: una volta aperta la cartella contenente le immagini da modificare, si sceglie un metodo di georeferenziazione. E’ possibile sia taggare le immagini in maniera manuale, ovvero cliccando sulla praticissima mappa di Google Maps, sia sincronizzare una serie di immagini con una fotografia già referenziata che avete scattato, ad esempio con il vostro cellulare con GPS integrato. Tutte le immagini scattate all’interno di un range di tempo scelto dall’utente saranno georeferenziate con la stessa posizione! Comodo vero?

Come inserire questo sistema in un flusso di lavoro con Lightroom 2? Leggi tutto “Geotagging di file RAW e Lightroom 2”

Backup a prova di bomba? RAID software su Ubuntu

Innanzitutto urge una precisazione: non siamo spariti, ma come tanti, abbiamo una vita al di fuori del blog che in questo momento ci sta assorbendo parecchio, chi per le varie tesi, chi per nuovi lavori, chi per lavori vecchi dove c’è bisogno più impegno del solito. Ci sono persone là fuori che pretendono, non capendo che abbiamo di meglio da fare ;).

Detto questo, ci eravamo lasciati settimana scorsa con un dilemma che mi stava logorando: come fare ad evitare di perdere tutto il mio archivio fotografico, essenziale per il mio equilibrio psicofisico? se ne erano dette diverse: dall’utilizzo di cubi costosi assolutamente autonomi, ad altri gadgets di dubbia qualità, addirittura googleando attraverso i feed RSS, avevo trovato personaggi incredibili disposti a spendere più di 1000$ per una serie di HD esterni collegati in rete. Qualcuno addirittura ha messo in una cassetta di sicurezza della banca gli hd direttamente.

Alla fine, grazie ai consigli ottenuti dai commenti di diversi utenti (grazie Fabrizio, Lore, l’immancabile Rebe), ho deciso di affidarmi ad una soluzione RAID, perché già possedevo un PC fisso con Ubuntu, perfettamente funzionante e senza schermo. Vuoi saperne di più? continua a leggere… Leggi tutto “Backup a prova di bomba? RAID software su Ubuntu”

DIY: Ring-flash fai-da-te

ring flash completoDunque dunque… questa volta il tutorial è per uomini e donne di bricolage avanzato. Nella mia continua voglia di imparare tecniche nuove, oggi vi parlo del Ring-Flash, ovvero di un marchingegno circolare che simula i flash ad anello che si montano intorno all’obiettivo. Per molti di voi si tratterà di ricordare l’ultima volta dal dentista, per altri ricordarsi che si E’ dentisti (c’è qualcuno tra noi che ha capito!).

Questo sistema ha il bello di essere molto creativo e di poter ottenere effetti interessanti; tuttavia l’impossibilità di comprare un ring flash professionale a causa di prezzi molto elevati, mi ha spinto a costruirmene uno. Ah, avevo anche da buttare un paio di orette in maniera costruttiva, ovviamente. Leggi tutto “DIY: Ring-flash fai-da-te”